User Manual

Start Up

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rev.

Tipo

Redazione

Controllo

Approvazione

Data

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A

Emissione

E. Torrente

E. Torrente

E. Torrente

20/02/07

Versione del documento

Data

12 novembre 2007

Versione

1.0.2

Lista delle modifiche

Aggiunta appendice A per supporto all’installazione

Aggiunti paragrafi relativi al sistema dei contratti delle attrezzature e dello staff

Adeguato il paragrafo relativo alla descrizione del sistema Flight Watch per la gestione dei servizi

 

 

 

 

 

 


 

Versione del documento. 2

1.0 Enterprise Ground Handling Operative System - eGHos. 4

1.1       Il framework del sistema eGHos. 5

2.0 I sistemi di eGHos. 15

2.1       Il sistema Airport Sys. 15

2.2.1        L’applicazione Aircraft Config. 15

2.2.2        L’applicazione BCI Config. 22

2.2.3        L’applicazione Factory Config. 31

2.2.4        L’applicazione Geo Config. 34

2.2.5        L’applicazione Operator Config. 41

2.2       Il sistema Contract Sys. 44

2.2.1        L’applicazione Service Config. 44

2.3       Il sistema Equipment Sys. 45

2.3.1        L’applicazione Equipment Config. 45

2.4       Il sistema Flight Sys. 48

2.4.1        L’applicazione Flight Config. 49

2.4.2        L’applicazione Flight Schedule. 64

2.4.3        L’applicazione Flight Watch. 75

2.5       Il sistema Staff Sys. 89

2.5.1        L’applicazione Employee Config. 89

A – Supporto all’installazione di eGHos. 93

B – Configurazioni e Procedura d’uso di eGHos. 96

B.1 – Import del Programma Voli stagionale. 96

B.1.1 – Venezia. 96

B.1.2 – Catania - Palermo. 98

B.2 – Gestione quotidiana. 100

B.3 – Fermo sistema. 101

 


1.0 Enterprise Ground Handling Operative System - eGHos

 

Il sistema eGHos nasce per supportare gli operatori di handling nella gestione verticale ed orizzontale dei processi ed in particolare per agevolare la consultazione, l’archiviazione ed il recupero di tutte le informazioni necessarie a processi quali:

 

  • Pianificazione e organizzazione;
  • Budget, Controllo di Gestione e Forecasting;
  • Gestione operativa;
  • Fatturazione attiva;
  • Data warehouse.

 

L’architettura centralizzata e pienamente compatibile con Internet del sistema eGHos, abilita ad una gestione “multiscalo”, consentendo così l’analisi delle informazioni relative ad un singolo scalo o all’insieme degli scali gestiti.

 

Figura 1 Il flusso delle informazioni di eGHos fra attività produttive

 

In Figura 1 viene schematizzato il trasferimento tipico delle informazioni gestite nel sistema eGHos, evidenziando il flusso di input e di output generato durante ogni fase dell’attività produttiva.

Grazie alla centralizzazione dei dati del sistema eGHos, è possibile condividere le informazioni in modo tale che ogni funzione coinvolta nell’attività produttiva, lavorando sui dati di propria competenza, partecipi alla gestione ed archiviazione di informazioni complete, disponibili e corrette fruibili dagli attori coinvolti nei processi aziendali.

Per comprendere in modo più chiaro quanto affermato nel precedente capoverso può essere utile descrivere la modalità con cui viene gestito il programma voli nel sistema eGHos: in particolare il programma voli di una stagione sarà in un primo momento creato, attraverso l’applicazione Flight Schedule, dalla funzione Planning che, tipicamente attraverso l’import dei dati disponibili in formato elettronico, caricherà le informazioni del timetable necessarie ad una pianificazione stagionale delle risorse. Non appena un nuovo programma voli sarà creato e caricato nel sistema eGHos dalla funzione Planning questo diventerà disponibile per le altre funzioni, ad esempio per il controllo di Gestione che, utilizzando le informazioni del timetable incrociate con i dati dei contratti e dei costi di produzione, sarà agevolato nella preparazione del budget e del forecasting. La Gestione operativa, a partire dai programmi voli caricati dal Planning nel sistema (input) curerà l’aggiornamento puntuale del timetable rispetto alle variazioni comunicate durante una stagione operativa, oltre che occuparsi della certificazione delle informazioni relative al traffico effettivamente gestito per lo scalo di competenza. I dati di output prodotti e certificati durante la Gestione operativa diventeranno quindi i nuovi dati di input per la Fatturazione attiva, per il Controllo di Gestione e per il Planning che potranno produrre i documenti necessari alla fatturazione attiva e verificare gli scostamenti rispetto a quanto previsto ad inizio stagione sui dati inizialmente caricati dal Planning. Tutti i dati prodotti andranno infine a popolare il data warehouse aziendale che potrà essere utilizzato come ulteriore sorgente di informazioni da utilizzare nel corso di tutte le attività di produzione aziendale.

 

1.1  Il framework del sistema eGHos

 

Il framework del sistema eGHos è pienamente compatibile con la tecnologia Internet, per tale ragione le applicazioni disponibili possono essere utilizzate da qualsiasi Pc collegato alla rete, ma per garantire una maggiore sicurezza ed integrazione delle applicazioni del framework, è stato progettato un componente, installato localmente sul Pc, necessario all’autenticazione dell’utente ed all’avvio delle applicazioni a cui l’utente è stato abilitato.

 

Figura 2 eGHos Command Box

 

La Figura 2 mostra come si presenta l’applicazione eGHos Command Box (da ora eCB) subito dopo l’autenticazione dell’utente. Attraverso eCB sarà possibile avviare le varie applicazioni dei sistemi del framework eGHos, compatibilmente a quanto definito durante la configurazione di ruoli e permessi per l’utente dall’amministratore del sistema.

Di seguito sono riportate tutte le applicazioni presenti per ogni sistema del framework eGHos corredate da una breve descrizione:

 

  • Airport System
    • Aircraft Config: gestione aeromobili
      • Aircraft Class: modulo di gestione delle classi di aeromobili
      • Aircraft Family: modulo di gestione delle famiglie di aeromobili
      • Aircraft Model: modulo di gestione dei modelli di aeromobili
      • Class Model Assoc: modulo di gestione delle associazioni dei modelli alle classi di aeromobili
      • Aircraft: modulo di gestione degli aeromobili
    • BCI config: gestione infrastrutture centrali di base (gate, checkin, stand, ecc)
      • BCI Type: modulo di gestione dei tipi di BCI
      • BCI Capacity: modulo di gestione per la definizione delle capacità dei BCI
      • Airport area Type: modulo di gestione dei tipi di aree aeroportuali
      • Airport Area: modulo di gestione delle aree aeroportuali
      • BCI: modulo di gestione dei BCI
      • BCI Dependency Type: modulo di gestione dei tipi di dipendenza fra BCI
      • BCI Dependency Assoc: modulo di gestione per la definizione delle dipendenze fra BCI
      • Unit Measure: modulo di gestione delle unità di misura
    • Factory config: gestione azienda
      • Factory Type: modulo di gestione dei tipi di aziende
      • Factory: modulo di gestione delle aziende
      • Factory Flight Op: modulo di gestione per l’associazione fra vettori e aziende
    • Geo Config: gestione aree geografiche
      • Area: modulo di gestione delle aree geografiche
      • Country Group: modulo di gestione dei gruppi di stati (CEE, Shenghen, ecc)
      • Country: modulo di gestione degli stati
      • Country Group Assoc: modulo di gestione per l’associazione degli stati ai gruppi di stati
      • City: modulo di gestione delle città
      • Airport: modulo di gestione degli aeroporti
    • Operator Config: gestione operatori
      • Public Carrier DCS: modulo di gestione sistemi DCS
      • Public Carrier Type: modulo di gestione dei tipi di vettori
      • Public Carrier: modulo di gestione dei vettori
  • Contract System
    • Service Config: gestione della configurazione dei servizi
      • Service: modulo di gestione dei servizi
  • Equipment System
    • Equipment Config: gestione della configurazione degli equipment
      • Equipment: modulo di gestione degli equipment
      • Equip Inst Equipment: modulo per l’associazione di istenze di equipment a tipologie di equipment
      • Equipment Instance: modulo per la gestione di istanze di equipment
  • Flight System
    • Flight Config: gestione dati di base sistema voli
      • TT Type: modulo di gestione delle tipologie di timetable
      • Estimated Time Type: modulo di gestione delle tipologie di stime orarie
      • Aviation Type: modulo di gestione delle tipologie di aviazione (generale, commerciale)
      • Flight Type: modulo di gestione dei tipi di volo
      • Flight Load Type: modulo di gestione dei tipi di carico
      • Flight Load Stat: modulo di gestione delle statistiche di carico
      • Flight Route Stat: modulo di gestione delle statistiche dei tempi di volo
      • Flight Nature: modulo di gestione delle nature del volo (arrivo e partenza)
      • Delay Code: modulo di gestione dei codici di ritardo
      • Nationality: modulo di gestione delle nazionalità
      • Airside Status: modulo di gestione degli stati airside
      • Landside Status: modulo di gestione degli stati landside
      • RFD Status: modulo di gestione degli stati RFD
      • Message Type: modulo di gestione dei tipi di messaggio
      • Comment Type: modulo di gestione dei tipi di commento
    • Flight Schedule: sistema di gestione programma voli
      • Flight Schedule: modulo di gestione dei timetable
      • Import Rule Manager (da menu Tools): modulo di gestione per l’import di timetable
    • Flight Watch: sistema di gestione voli giornalieri
      • Flight Watch: modulo di gestione dei voli giornalieri
  • Plaf System
    • Alarm Config: gestione sistema allarmi
      • Alarm End Type: modulo di gestione dei tipi di chiusura degli allarmi
      • Alarm Code: modulo di gestione dei codici di allarme
      • Alarm: modulo di gestione degli allarmi
      • Alarm Ntf Event: modulo di gestione degli eventi di notifica degli allarmi (inizio, fine, entrambi)
      • Alarm Ntf Mode: modulo di gestione dei modi di notifica degli allarmi (email, sms, evento http, ecc)
    • Application Config: gestione sistemi e applicazioni framework
      • System: modulo di gestione dei sistemi
      • Application: modulo di gestione delle applicazioni
      • Object: modulo di gestione degli oggetti
      • Permission: modulo di gestione dei permessi
      • Data Filter: modulo di gestione dei filtri
    • Staff Config: gestione utenti framework
      • Staff User: modulo di gestione degli utenti
      • Roles: modulo di gestione dei ruoli
      • Staff User Type: modulo di gestione dei tipi di utente
  • Staff System
    • Employee Config: gestione sistema allarmi
      • Skill: modulo di gestione degli skill
      • Skill Employee: modulo per l’associazione fra skill ed employee
      • Emloyee: modulo per la gestione degli employee

 

Tutti i moduli delle applicazioni dei sistemi del framework eGHos sono pagine web avviate nel browser:

 

 

Tali moduli sono caratterizzati da un insieme di controlli standard che permettono una rapida ed efficace interazione con le interfacce.

Di seguito saranno descritti tutti i controlli utilizzati, riportando anche la modalità di interazione con l’oggetto.

 

  • La textbox  consente l’inserimento e la visualizzazione di testo

 

 

  • La combo box classica

 

consente di selezionare un elemento fra quelli presentati nella lista a tendina che viene presentata premendo il tasto sinistro del mouse sul bottone con la freccia verso il basso

 

 

  • La combo box autocompletante

 

 

consente di selezionare un elemento fra quelli presenti nella lista paginata. Tale componente, progettato per la presentazione di liste con centinaia o migliaia di elementi, contempla diversi modi di selezione: il primo prevede di aprire la lista degli elementi premendo il pulsante sinistro del mouse sul tasto  in modo da presentare la prima pagina della lista degli elementi che potrà essere scorsa utilizzando i tasti di navigazione . Il secondo prevede di inserire il valore che si desidera ricercare, anche parziale, utilizzando il carattere ‘*’ (es. torr* oppure *rente oppure *rent*) nella textbox  e avviare la ricerca premendo il tasto sinistro del mouse sull’immagine della lente . Il terzo, attivabile con un doppio click del tasto sinistro del mouse nell’area del controllo  permetterà, a valle della digitazione, parziale o completa, della descrizione dell’elemento desiderato e della pressione del tasto CTRL, di visualizzare la lista degli elementi già filtrata in base al testo inserito nel controllo:

 

 

Nel caso non sia stato inserito nessun testo è possibile, a valle della presentazione della lista degli elementi, utilizzare la tastiera per avviare la ricerca dell’elemento desiderato:

 

 

o spostarsi nelle pagine degli elementi premendo INVIO o doppio click dopo aver selezionato la riga di navigazione della lista

 

 

 

 

  • La lookup table :

 

 

Oltre a contemplare le modalità già descritte per la combo autocompletante, permette di selezionare un elemento aprendo una maschera di selezione completa che, oltre a mostrare la griglia degli elementi della lista ed i tasti di navigazione , permette di effettuare ricerche mirate valorizzando i campi disponibili:

 

 

ed avviando una ricerca utilizzando il solito pulsante di avvio ricerca .

 

 

  • La presentation grid:

 

 

viene utilizzata per la presentazione e la gestione dei dati del sistema eGHos: tipicamente la griglia di presentazione occupa l’area centrale di una maschera di presentazione:

 

 

che visualizza i controlli per la navigazione dei dati paginati  e per la ricerca di elementi presenti nella lista, ricerca che può essere effettuata anche su descrizioni parziali del valore (es. Tor* oppure *ente oppure *ren*) .

La griglia di presentazione è composta da alcune colonne di descrizione degli elementi e di una colonna Action. La colonna Action presenta i comandi con i quali sarà possibile interagire per:  visualizzare i dettagli di un elemento,  modificare gli attributi di un elemento,  eliminare un elemento,  selezionare un elemento: tipicamente a seguito della presentazione di una controllo lookup.

 

 

  • I button    sono un altro oggetto tipico utilizzato nel framework di eGHos, solitamente sono utilizzati per ricevere i comandi da parte dell’utente sulle maschere delle applicazioni:

 

 

 

  • Le check box  consentono, attraverso il mouse, di selezionare o meno un valore all’interno di una maschera , sono talvolta organizzate in gruppi relativi ad uno specifico contesto.

 

 

  • Il tree view è un controllo che permette l’interazione con elementi strutturati ad albero. Il controllo è caratterizzato da una radice () da cui, utilizzando il tasto sinistro del mouse, è possibile navigare i rami per giungere alla selezione degli elementi posizionati sulle foglie:

 

 

 

  • Il popup calendar  è il controllo del framework eGHos che consente di visualizzare ed inserire date e orari secondo le necessità. E’ possibile scrivere direttamente i valori nell’area “mascherata” con il formato di data ora previsto o, in alternativa, utilizzando il pulsante  si può aprire un calendario grafico per selezionare data ed ora utilizzando il mouse:

 

 

Per la scelta del giorno si potrà selezionare il giorno presentato nell’area centrale del controllo, per scorrere i mesi potranno essere utilizzati i bottoni , per la selezione diretta del mese e dell’anno potranno essere utilizzate la combo box , mentre per la selezione dell’eventuale orario si potrà agire sulle combo box . Il giorno corrente viene evidenziato in rosso .

 

 

  • Il tab panel è un componente della piattaforma eGhos utilizzato per la presentazione dei dati su pannelli organizzati come in uno schedario:

 

 

 

E’ possibile passare da una scheda ad un'altra utilizzando il tasto sinistro del mouse sulla linguetta con la descrizione della scheda : quando viene selezionata la linguetta viene presentato il contenuto della scheda associata e la linguetta risulta evidenziata .

 

 

  • Il menu:  è il controllo che permette la selezione di un comando o di un elemento presentato sulla “tendina” che viene aperta a seguito di un click con il pulsante sinistro del mouse sul titolo del menu:

 

 

La chiusura del menu potrà avvenire o selezionando uno degli elementi presentati nella tendina o con un click sul titolo del menu.

 

 

  • La interactive grid è il controllo griglia utilizzato per la presentazione e l’ordinamento di un insieme di elementi:

 

 

A differenza della presentation grid, l’interactive grid consente solitamente la modifica e l’inserimento dei valori direttamente nelle celle della griglia,

 

 

 

modifica che potrà essere confermata o annullata utilizzando i pulsanti  presentati tipicamente nell’ultima colonna della griglia

 

 

Di solito è possibile ottenere un ordinamento dei dati presentati con il click del pulsante sinistro del mouse sul titolo di una colonna. L’ordinamento sarà effettuato in modo ascendente o discendente a seconda del numero di volte che si “clikkerà” sul titolo della colonna  .


2.0 I sistemi di eGHos

 

Come anticipato nei precedenti paragrafi il framework eGHos può ospitare molti sistemi che a loro volta sono composti da applicazioni costituite da una serie di moduli (interfacce grafiche).

Un utente del sistema eGHos può accedere alle applicazioni dei sistemi utilizzando la eCB; per ogni utente l’amministratore di eGHos potrà definire:

 

  • I sistemi a cui l’utente ha accesso;
  • Le applicazioni a cui l’utente ha accesso;
  • I moduli a cui l’utente ha accesso;
  • I permessi sui moduli, come ad esempio visualizzare un oggetto, modificare un oggetto, cancellare un oggetto, ecc;
  • I filtri sulle applicazioni, come ad esempio poter visualizzare all’interno dei moduli solo alcuni tipi di dati (filtro per vettore, ecc);
  • Gli allarmi attivi per l’utente: gli allarmi sono specifiche notifiche generate dal sistema verso l’utente, via email, SMS, ecc, generate al verificarsi o al rientrare di determinati eventi.

 

La configurazione dei privilegi di accesso, dei filtri e degli allarmi avviene attraverso l’uso delle applicazioni del modulo Plaf, che contiene tutti i moduli di amministrazione che non saranno descritti nel presente manuale.

 

2.1 Il sistema Airport Sys

 

Airport Sys è il sistema di eGHos che contiene le applicazioni ed i moduli per la gestione degli aeromobili, delle infrastrutture di base (stand, gate, checkin, ecc), delle aziende, dei dati geografici (stati, città, aeroporti, ecc) e degli operatori commerciali (vettori di aviazione commerciale e di aviazione generale).

I dati gestiti nei moduli delle applicazioni del sistema sono i dati di base utilizzati nelle applicazioni di gestione operativa del framework. Ogni modulo di un’applicazione del sistema Airport consente tipicamente la visualizzazione, l’inserimento, la modifica e la cancellazione di un dato di base.

 

2.2.1       L’applicazione Aircraft Config

 

Aircraft Config è composta dai seguenti moduli:

 

Ø      Aircraft Class:

 

 

Attraverso tale modulo è possibile cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare una classe di aeromobili. Le classi di aeromobili gestite nel modulo potranno essere utilizzate per una classificazione dei modelli di aeromobili nel modulo Class Model Assoc. La creazione di classi di aeromobili può essere utile per le applicazioni di gestione operativa che hanno necessità di aggregare un insieme di modelli di aeromobili.

 

Ø      Aircraft Family:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare una famiglia di aeromobili. Nel sistema eGHos gli aeromobili sono infatti organizzati utilizzando la seguente strutturazione:

 

Famiglia à Modello à Aeromobile ad esempio M8x à M82 à IPALT

 

Per una famiglia di aeromobili è possibile indicare i parametri di riferimento generici che saranno considerati nel caso in cui questi non siano specificati a livello di modello o di aeromobile. Tali parametri sono: l’acronimo della famiglia, i posti offerti, il tonnellaggio e la classe di rumore.

 

 

 

Ø      Aircraft Model:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un modello di aeromobile. Nel sistema eGHos gli aeromobili sono infatti organizzati utilizzando la seguente strutturazione:

 

Famiglia à Modello à Aeromobile ad esempio M8x à M82 à IPALT

 

Per un modello di aeromobile è possibile indicare i parametri di riferimento generici che saranno considerati nel caso in cui questi non siano specificati a livello di aeromobile. Tali parametri sono: la famiglia, l’acronimo, i posti offerti, il tonnellaggio e la classe di rumore:

 

 

 

Ø      Aircraft:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un aeromobile. Nel sistema eGHos gli aeromobili sono infatti organizzati utilizzando la seguente strutturazione:

 

Famiglia à Modello à Aeromobile ad esempio M8x à M82 à IPALT

 

Per un aeromobile è possibile indicare i parametri di riferimento quali: l’operatore (proprietario), il modello, la registrazione, i posti offerti, il tonnellaggio e la classe di rumore:

 

 

 

Ø      Class Model Assoc:

 

 

Consente di associare e deassociare un modello di aeromobile ad una classe di aeromobile:

 

 

 

2.2.2       L’applicazione BCI Config

 

BCI Config è composta dai seguenti moduli:

 

Ø      BCI Type:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un tipo di BCI. I tipi di BCI permetteranno di classificare le singole istanze di infrastrutture centralizzate di base quali Gate, Checkin, Stand, ecc.

 

 

Ø      BCI Capacity List

 

 

Consente di definire le capacità di un BCI attraverso l’associazione di un’unità di misura ed un valore. La definizione della lista di capacità di un BCI è necessaria per i moduli di pianificazione delle infrastrutture di base aeroportuali.

 

 

Ø      BCI

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un BCI. Per un BCI è possibile definire i seguenti attributi: il tipo di BCI, l’area aeroportuale in cui si trova, l’acronimo e la descrizione:

 

 

 

Ø      BCI Dependency Type

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un tipo di dipendenza fra BCI. La definizioni delle dipendenze può essere necessaria ai fini di pianificazione ed assegnazione delle infrastrutture, ad esempio si può immaginare un Finger che dipende (è associato) ad uno specifico Stand.

 

Ø      BCI Dependency Assoc

 

 

Consente di definire le dipendenze fra BCI. La definizione della lista di dipendenze fra BCI è necessaria per i moduli di pianificazione e assegnazione delle infrastrutture di base aeroportuali.

 

Ø      Unit Measure

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare le unità di misura utilizzate nel sistema.

 

 

Ø      Airport Area Type

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un tipo di area aeroportuale. La definizione di tipi di aree aeroportuali, insieme alla definizione delle aree aeroportuali, consente di definire la topografia dell’aeroporto.

 

 

Ø      Airport Area:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un’area aeroportuale. La definizione di tipi di aree aeroportuali, insieme a quella di aree aeroportuali, consente di caratterizzare la topografia dell’aeroporto e di definire le infrastrutture di base BCI.

Per un area aeroportuale è possibile indicare i parametri di riferimento quali: l’area aeroportuale in cui l’area è contenuta (scatole cinesi), il tipo di area aeroportuale, l’acronimo, la descrizione, la longitudine e la latitudine:

 

 

2.2.3       L’applicazione Factory Config

 

Factory Config è composta dai seguenti moduli:

 

Ø      Factory Type:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un tipo di azienda.

 

Ø      Factory

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un’azienda. La definizione delle aziende nel sistema eGHos ha finalità di fatturazione, gestione delle risorse, CRM, ecc.

Per un’azienda è possibile definire i seguenti attributi: tipo di azienda, città in cui è ubicata, nome o ragione sociale, descrizione, indirizzo, riferimento, email, info di fatturazione, indirizzo internet, telefono dell’ufficio, telefono mobile di riferimento, fax di riferimento, p.iva, indirizzo telex, codice di fatturazione, codice fiscale.

 

 

 

Ø      Factory Flight operator Assoc

 

 

Questo modulo consente di definire le associazioni fra azienda e vettori: ciò può essere indispensabile per la fatturazione dei servizi e l’identificazione delle rappresentanze in aeroporto.

 

 

2.2.4       L’applicazione Geo Config

 

Geo Config è composta dai seguenti moduli:

 

Ø      Area:

 

 

Per la gestione delle aree geografiche (Europa, Asia, ecc)

 

 

Ø      Country Group

 

 

Per la definizione dei gruppi di stati, e più in particolare per l’indicazione di appartenenza a particolari trattati che prevedono accordi specifici bilaterali.

 

 

Ø      Country

 

 

Per la gestione degli stati (Italia, Francia, ecc).

 

 

Ø      Country Group Assoc:

 

 

Modulo per la gestione della associazione e deassociazione degli stati a gruppi di stati.

 

 

Ø      City

 

 

Per la gestione delle città secondo il modello Area à Stato à Città.

 

 

Ø      Airport

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un aeroporto. Gli aeroporti sono organizzati secondo lo schema Area à Stato à Città àAeroporto.

Per un aeroporto possono essere gestiti i seguenti attributi: città, codice IATA, codice ICAO e descrizione:

 

 

 

2.2.5       L’applicazione Operator Config

 

Operator Config è composta dai seguenti moduli:

 

Ø      Public Carrier DCS:

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un identificativo di sistema DCS.

 

 

Ø      Public Carrier Type

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare l’identificativo di una tipologia di carrier (charter, linea, ecc).

 

 

Ø      Flight operator

 

 

Consente di cercare, visualizzare, inserire, modificare o cancellare un operatore di volo (vettore). La definizione di un vettore (carrier) nel sistema eGHos ha finalità di gestione operativa, fatturazione, gestione delle risorse, CRM, ecc.

Per ciascun vettore è possibile definire i seguenti attributi: tipo di vettore, sistema DCS proprietario, città in cui la società è ubicata, nome o ragione sociale, descrizione, acronimo, nick name, riferimento operativo, riferimento tecnico, codice Iata biletterale, codice Iata triletterale, codice Icao, indirizzo, riferimento, email, info di fatturazione, indirizzo internet, telefono dell’ufficio, telefono mobile di riferimento, fax di riferimento, p.iva, indirizzo telex, codice di fatturazione, codice fiscale:

 

 

 

2.2 Il sistema Contract Sys

 

Conatract Sys è il sistama eGHos Necessario alla gestione dei contratti commerciali. In tale sistema sono presenti i moduli per la configurazione dei servizi e per la configurazione dei contratti commerciali erogati ai Flight Operator. Un contratto è un insieme di regole di applicazione e contabilizzazione di servizi, che a loro volta sono composti da un insieme di task caratterizzati dall’utilizzo di persone (Employee) e attrazzature (Equipment).

 

2.2.1       L’applicazione Service Config

 

Service Config è composta da un unico modulo per la configurazione e la gestione dei servizi:

 

 

 

2.3 Il sistema Equipment Sys

 

Conatract Sys è il sistama eGHos Necessario alla gestione dei contratti commerciali. In tale sistema sono presenti i moduli per la configurazione dei servizi e per la configurazione dei contratti commerciali erogati ai Flight Operator. Un contratto è un insieme di regole di applicazione e contabilizzazione di servizi, che a loro volta sono composti da un insieme di task caratterizzati dall’utilizzo di persone (Employee) e attrazzature (Equipment).

 

2.3.1       L’applicazione Equipment Config

 

Equipment Config è composta dai seguenti moduli di gestione:

 

Ø      Equipment

 

 

Modulo pper la gestione delle attrezzature.

 

Ø      Equipment Inst Equipment

 

 

Modulo per l’associazione fra attrezzature e tipologie di attrezzature.

 

 

Ø      Equipment Instance

 

 

Modulo per la gestione delle istanza di attrezzature.

 

 

2.4 Il sistema Flight Sys

 

Flight Sys è il sistema di eGHos necessario per la gestione operativa dei voli. Si compone di un’applicazione necessaria alla gestione dei dati di configurazione del sistema (Flight Config), e di due applicazioni principali: Flight Schedule e Flight Watch.

Flight Schedule è l’applicazione che permette la gestione dei programmi di volo stagionali (detti anche timetable). Le funzionalità principali dell’applicazione sono la creazione di timetable, l’import di timetable da file di testo attraverso la definizione di regole, il controllo di coerenza dei timetable, il supporto alle legature e la generazione dei voli giornalieri nel sistema Flight Watch.

Flight Watch è l’applicazione che consente la gestione operativa dei “voli giornalieri”, in particolare tale applicazione può essere collegata attraverso un gateway ai sistemi di messaggistica aeroportuale esterni (sitatex, printer DCS, ecc). Le funzionalità principali dell’applicazione sono la creazione e modifica di voli giornalieri e dei relativi attributi quali orari, stati del volo, carichi, messaggi e note sul volo, ritardi, allarmi, stato di certificazione ecc.

I voli gestiti nell’applicazione Flight Watch, in prima istanza ottenuti a partire dall’applicazione Flight Schedule, solitamente a valle della fase di certificazione, saranno utilizzati dalle applicazioni del framework preposte all’assegnazione delle risorse, alla fatturazione, al data warehouse ecc.

 

2.4.1       L’applicazione Flight Config

 

Flight Config è composta dai seguenti moduli:

 

Ø      TT Type

 

 

Modulo per la gestione anagrafica di tipi di timetable.

 

 

Ø      Estimated Time Type

 

 

Modulo per la gestione anagrafica dei tipi di stimato orario visualizzati nel sistema Flight Watch.

 

 

Ø      Aviation Type

 

 

Modulo per la gestione anagrafica di tipi di aviazione (commerciale, generale).

 

 

Ø      Flight Type

 

 

Modulo per la gestione anagrafica dei tipi di volo.

 

 

Ø      Flight Load Type

 

 

Modulo per la gestione anagrafica dei tipi di carico.

 

 

Ø      Flight Load Stat

 

 

Modulo per la gestione delle statistiche di carico. Le statistiche di carico possono essere gestite manualmente o create automaticamente. Le statistiche di carico sono utilizzate per evidenziare i carichi attesi durante la gestione operativa e per la pianificazione delle risorse:

 

 

 

 

Ø      Flight Route Stat

 

 

Modulo per la gestione delle statistiche dei tempi di volo. Le statistiche dei tempi di volo possono essere gestite manualmente o create automaticamente. Le statistiche dei tempi di volo sono utilizzate per evidenziare gli expected nella gestione operativa:

 

 

Ø      Flight Nature

 

 

Modulo per la gestione anagrafica della natura dei voli (arrivo, partenza).

 

Ø      Delay Code Class

 

 

Modulo per la gestione anagrafica delle classi di Delay Code e l’imputazione dei codici di ritardo (handling, gestore, meteo, ecc).

 

 

Ø      Delay Code

 

 

Modulo per la gestione anagrafica dei codici di ritardo. Tali codici sono utilizzati nel Flight Watch per la registrazione dei ritardi.

 

 

Ø      Nationality

 

 

Modulo per la gestione anagrafica delle nazionalità del volo (nazionale, internazionale)

 

 

Ø      Airside status

 

 

Modulo per la configurazione degli stati airside. Gli stati airside corrispondono rispettivamente per arrivo e partenza:

 

Stato

Corrispondenza Arrivo

Corrispondenza Partenza

CANCELLED

Cancellato

Cancellato

SCHEDULED

Schedulato

Schedulato

IN PROGRESS

Atterrato

Sbloccato

COMPLETED

Bloccato

Decollato

 

 

Ø      Landside status

 

 

Modulo per la gestione anagrafica degli stati landside.

 

 

Ø      RFD Status

 

 

Modulo per la gestione anagrafica degli stati RFD (stati della torre previsti dal sistema informatico RFD).

 

 

Ø      Message Type

 

 

Modulo per la gestione dei tipi di messaggio telex che devono essere storicizzati nel database di eGHos. L’acronimo del messaggio deve essere quello previsto dallo standard IATA. I messaggi catturati dal gateway del sistema eGHos saranno associati automaticamente ai voli presenti nel Flight Watch.

 

 

Ø      Comment Type

 

 

Modulo per la gestione anagrafica dei tipi di commento. La gestione dei commenti, alla stregua di quanto avviene sui forum Internet, consente di creare dei thread di conversazione per un volo presente nel Flight Watch, per ogni messaggio è anche possibile prevedere uno o più allegati.

 

 

2.4.2       L’applicazione Flight Schedule

 

Come anticipato nei paragrafi precedenti Flight Schedule è l’applicazione del sistema eGHos preposta alla gestione dei programmi voli stagionali (timetable).

A livello funzionale Flight Schedule offre i seguenti macro servizi:

 

  • Funzioni di compilazione manuale del programma voli;
  • Funzioni di import di un programma voli in formato testo, previa definizione delle regole di import;
  • Funzioni di controllo e validazione della correttezza sintattica e semantica del programma voli;
  • Funzioni di supporto alle gestione delle legature.

 

Flight schedule permette di gestire un programma voli ufficiale per ogni stagione ed infiniti programmi voli non ufficiali. Il programma voli ufficiale sarà utilizzato per la generazione dei voli giornalieri nel sistema Flight Watch, mentre i programmi voli non ufficiali potranno essere utilizzati per qualsiasi altro scopo (planning, forecasting, controllo di gestione, precompilazione del programma voli ufficiale).

 

L’applicazione Flight Schedule si compone di un unico modulo caratterizzato dal seguente aspetto:

 

 

In particolare l’applicazione può essere suddivisa nelle seguenti aree logiche di interazione utente:

 

ü      Area del tree view dei timetable

 

 

in tale area è possibile interagire con il controllo tree view per selezionare uno specifico timetable. Tale area può essere chiusa utilizzando i pulsanti  che consentono rispettivamente di nasconderla automaticamente quando il cursore del mouse non si trova sopra la scheda oppure di chiuderla fino a quando non si deciderà di riaprirla utilizzando il comando .

 

ü      Area dei menu:

 

 

tale area consente di interagire con i comandi previsti nei menu del Flight Schedule. E’ inoltre presente il menu per la visualizzazione dei report associati all’applicazione.

 

Il menu TimeTable contiene gran parte dei comandi necessari alla gestione dei programmi voli, e si presenta come segue:

 

 

New: consente di creare un nuovo programma voli vuoto attraverso la presentazione della maschera per l’inserimento degli attributi del timetable quali: il tipo di programma (ufficiale o non ufficiale), la stagione di riferimento (winter o summer) il periodo di inizio e fine (legati a data e ora dell’ora legale), l’acronimo (obbligatorio WINTER o SUMMER per un TT ufficiale) e la descrizione.

 

 

List: presenta la maschera di visualizzazione in forma tabellare dei programmi voli presenti nel Flight schedule.

 

 

Duplicate: permette di clonare un programma voli a partire da quello selezionato.

 

Update: presenta la maschera per la modifica degli attributi del programma voli.

 

Delete: può essere utilizzato per cancellare il timetable selezionato.

 

Import: presenta la maschera di selezione del file che si desidera importare. L’import sarà effettuato utilizzando le regole definite nella tipologia di file che si selezionerà al momento di avviare l’import.

 

 

Export: effettua l’export del programma voli selezionato nel formato prescelto.

 

Print: avvia la stampa del timetable selezionato.

 

Set as official: consente di trasformare il programma voli non ufficiale selezionato in quello ufficiale (e viceversa per il timetable ufficiale se già esistente). E’ bene ricordare che a partire dall’unico programma voli ufficiale per stagione presente nel Flight Schedule saranno generati i voli giornalieri del Flight Watch.

 

Compact flight: cerca di ridurre il numero di righe del programma voli selezionato accorpando le righe compatibili per frequenza, periodo, codice di volo ecc.

 

 

Il menu Flight contiene i comandi necessari alla gestione dei voli di un timetable, e si presenta come segue:

 

 

New: aggiunge una riga vuota nell’area della tabella dei voli per consentire l’inserimento degli attributi del volo.

 

 

Update: predispone gli attributi della riga della tabella selezionata per la modifica.

 

 

Delete: cancella le righe selezionate nella tabella.

 

Cut: taglia le righe selezionate nella tabella.

 

Copy: copia le righe selezionate nella tabella.

 

Paste: incolla le righe tagliate (cut) o copiate (copy) su un programma voli, anche differente da quello dove originariamente le righe sono state tagliate o copiate.

 

Link: presenta la maschera di supporto alla legature dei voli. Tale maschera presenterà gli arrivi o le partenze più probabili per la legatura con il volo selezionato. Su tale maschera sarà possibile effettuare delle ulteriori ricerche per l’individuazione del volo da legare.

 

 

Unlink: permette di slegare l’arrivo e la partenza relativi alla riga selezionata.

 

BCI àArrival (Departure) à New: predispone il tab panel dedicato all’associazione delle infrastrutture di base (stand, checkin, ecc) all’inserimento di un nuovo elemento.

 

 

BCI àArrival (Departure) à Update: predispone il tab panel dedicato all’associazione delle infrastrutture di base (stand, checkin, ecc) alla modifica dell’elemento selezionato.

 

BCI àArrival (Departure) à Delete: predispone il tab panel dedicato all’associazione delle infrastrutture di base (stand, checkin, ecc) alla cancellazione dell’elemento selezionato.

 

Sharing àArrival (Departure) à New: predispone il tab panel dedicato alla definizione dei code sharing del volo all’inserimento di un nuovo elemento.

 

 

Sharing àArrival (Departure) à Update: predispone il tab panel dedicato alla definizione dei code sharing del volo alla modifica dell’elemento selezionato.

 

Sharing àArrival (Departure) à Delete: predispone il tab panel dedicato alla definizione dei code sharing del volo alla cancellazione dell’elemento selezionato.

 

Il menu Tools contiene i comandi necessari alla gestione delle regole di import dei programmi volo:

 

 

Manage a File à New: Presenta la maschera per la creazione di un nuovo tipo di file da importare.

 

 

Manage a File à Modify: Permette di accedere alle maschere di definizione delle regole di import del file.

 

 

Un file di import è infatti composto da una serie di regole a loro volta composte da una successione di validatori preconfigurati nel sistema. Scrivere un modello di import significherà quindi definire l’insieme delle regole che l’applicazione proverà ad utilizzare per importare una o più righe di un file di testo. Durante l’installazione dell’applicazione vengono preinstallate le regole necessarie all’import di file in formato standard SSIM.

 

ü      Area per la ricerca:

 

 

tale area consente di impostare i filtri di ricerca desiderati per ridurre l’insieme delle righe presentate nella griglia dei voli. Per avviare la ricerca dovrà essere utilizzato il pulsante . I risultati della ricerca saranno sempre paginati, così come avviene anche per la selezione di un programma voli in pagine con un numero di righe pari al valore impostato nella text box .

Il check per la ricerca delle righe con errori avvia il processo di validazione formale e sostanziale del programma voli selezionato. Tale processo controlla che i dati inseriti per ogni riga del timetable siano formalmente e sintatticamente corretti. A valle del processo di validazione saranno presentate nell’area della griglia dei voli tutte le righe per le quali sono stati rilevati degli errori.

 

ü      Area di navigazione:

 

 

Contiene i comandi necessari alla navigazione delle pagine del programma voli.

 

ü      Area dei comandi:

 

 

In tale area sono presenti i bottoni utilizzati per:

-          avviare la ricerca secondo i parametri impostati nei controlli presenti nell’area per la ricerca ;

-          salvare una o più righe selezionate a valle della fase di import ;

-          cancellare una o più righe selezionate nell’area della griglia dei voli ;

-          copiare una o più righe selezionate ;

-          tagliare una o più righe selezionate ;

-          incollare una o più righe precedentemente copiate o tagliate ;

-          avviare la funzione di check overlap per l’identificazione delle righe che generano voli duplicati ;

-          mostrare o nascondere la riga del Call Sign dei voli ;

-          presentare gli orari in formato UTC o LOCAL  (ovviamente solo per la visualizzazione)

 

ü      Area della griglia dei voli:

 

 

E’ l’area dove vengono presentate le righe relative ai volo contenuti nel timetable; come già anticipato, utilizzando i comandi dei menu è possibile effettuare delle azioni sulle righe selezionate quali l’aggiunta, la cancellazione, la copia, ecc.

 

ü      Area dei tab:

 

 

E’ l’area in cui sono presenti i tab panel relativi ai BCI ed ai code sharing associati rispettivamente all’arrivo ed alla partenza della riga selezionata.

 

ü      Area dell’import:

 

 

A fronte dell’import di un file può essere presentata l’area mostrata nell’immagine che potrà essere utilizzata per verificare e, nel caso, risolvere specifici problemi di import su alcune righe importate da file. In particolare muovendosi con il mouse sulle righe presenti in questa area sarà visualizzato un tooltip che indica gli errori riscontrati, evidenziati anche dal colore rosso utilizzato per il testo. Saranno inoltre disponibili i comandi per modificare manualmente il testo della riga , per vedere la regola utilizzata per interpretare la riga , per modificare la regola utilizzata per interpretare la riga , per creare una copia della regola utilizzata per interpretare la riga  ed il comando per vedere le altre regole con cui il sistema ha provato ad interpretare la riga :

 

 

ü      Area di check dei voli in overlap:

 

 

 

Una volta selezionato un programma voli è possibile effettuare una verifica per la presenza di voli duplicati nel timetable utilizzando il già descritto comando  presente nell’area dei comandi. Conseguentemente alla fase di verifica degli overlap, sarà presentata l’area che evidenzia la presenza di eventuali problemi: ogni riga rappresenterà la presenza di uno o più problemi di duplicazione di voli. Sarà quindi possibile visualizzare il dettaglio dei problemi riscontrati utilizzando il comando  oppure passare alla correzione dei problemi associati ad una riga utilizzando il comando .

 

 

ü      Area di supporto alle legature

 

 

 

A fronte della selezione di un volo non legato (solo arrivo o solo partenza) nella griglia dei voli, è possibile utilizzare il sistema di supporto alla legature del Flight Schedule, attraverso l’uso del menu già descritto, per fa apparire l’area di presentazione delle legature candidate. In tale area (finestra), saranno presentati i voli che secondo il sistema hanno maggiore probabilità di dover essere legati con il volo selezionato; sarà sempre possibile utilizzare i comandi di ricerca nella finestra delle legature per impostare un proprio criterio di ricerca alternativo a quello proposto dal sistema.

 

 

2.4.3       L’applicazione Flight Watch

 

Flight Watch è l’applicazione del sistema eGHos preposta alla gestione dei “voli giornalieri”. I voli presentati nel Flight Watch possono essere inseriti manualmente dagli utenti, ma solitamente vengono generati a partire dal programma voli ufficiale attivo nel Flight Schedule.

A livello funzionale Flight watch offre i seguenti macro servizi:

 

  • Editing dei voli giornalieri (MVT);
  • Editing dei carichi (LDM) dei voli giornalieri;
  • Editing delle infrastrutture aeroportuali associate ai voli giornalieri
  • Editing dei code sharing;
  • Editing dei delay code;
  • Visualizzazione della messaggistica IATA associata a voli giornalieri (previo collegamento sistema SITATex o printer DCS);
  • Aggiornamento automatico di voli e carichi a fronte di ricezione di messaggistica IATA (previo collegamento sistema SITATex o printer DCS);
  • Gestione dei Comment associati ai voli giornalieri in modalità “forum” (funzione di Customer Resource Management);
  • Gestione degli allarmi;
  • Gestione dei Servizi erogati al volo, con la possibilità di assegnare anche risorse di tipo staff ed equipment;
  • Gestione della certificazione dei dati.

 

I dati contenuti e certificati nel Flight Watch costituiscono la base necessaria ai moduli del sistema eGHos preposti all’allocazione delle risorse, alla verifica dei contratti commerciali, alla fatturazione attiva ed al data warehouse.

 

L’applicazione Flight Watch si compone di un unico modulo caratterizzato dal seguente aspetto:

 

 

 

In particolare l’applicazione può essere suddivisa nelle seguenti aree logiche di interazione utente:

 

ü      Area dei menu:

 

 

Tale area contiene i menu che permettono di eseguire i comandi necessari alla creazione dei voli oltre che dei carichi, delle infrastrutture, dei code sharing, dei delay e dei commenti associati ai voli. E’ inoltre presente il menu per la visualizzazione dei report associati all’applicazione.

 

Il menu Flight contiene i comandi necessari alla gestione dei voli di un timetable, e si presenta come segue:

 

 

New: aggiunge una riga vuota nell’area della tabella dei voli per consentire l’inserimento degli attributi del volo.

 

Delete: elimina le righe selezionate nell’area della tabella dei voli. La cancellazione avviene fisicamente mentre per indicare lo stato di volo cancellato devono essere utilizzati gli appositi comandi.

 

 

Load à Arrival (Departure) à New: aggiunge una riga relativa ai carichi nel tab LDM.

 

Load à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab LDM per la modifica dei valori.

 

Load à Arrival (Departure) à Delete: elimina la riga selezionata nel tab LDM.

 

Load à Arrival (Departure) à Reset Load: pone a 0 i valori di carico relativi alla riga selezionata nel tab LDM.

 

 

 

Hold à Arrival (Departure) à New: aggiunge una riga relativa alle stive nel tab Hold.

 

Hold à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab Hold per la modifica dei valori.

 

Hold à Arrival (Departure) à Delete: elimina la riga selezionata nel tab Hold.

 

 

BCI à Arrival (Departure) à New: aggiunge una riga relativa alle infrastrutture centrali di base (gate, checkin, stand, ecc) nel tab BCI.

 

BCI à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab BCI per la modifica dei valori.

 

BCI à Arrival (Departure) à Delete: elimina la riga selezionata nel tab BCI.

 

 

Sharing à Arrival (Departure) à New: aggiunge una riga relativa ai code sharing nel tab Sharing.

 

Sharing à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab Sharing per la modifica dei valori.

 

Sharing à Arrival (Departure) à Delete: elimina la riga selezionata nel tab Sharing.

 

Sharing à Arrival (Departure) à Swap: inverte il codice di volo presentato nella griglia dei voli rispetto a quello selezionato nel tab Sharing.

 

 

 

Delay à Arrival (Departure) à New: aggiunge una riga relativa ai codici di ritardo nel tab Delay.

 

Delay à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab Delay per la modifica dei valori.

 

Delay à Arrival (Departure) à Delete: elimina la riga selezionata nel tab Delay.

 

 

Comment à Arrival (Departure) à New: aggiunge una riga relativa ad un commento.

 

Comment à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab Comment per la modifica dei valori.

 

 

 

Service à Arrival (Departure) à New: aggiunge unservizio per il volo selezionato.

 

Service à Arrival (Departure) à Update: predispone la riga selezionata nel tab Service per la modifica dei valori.

 

Service à Arrival (Departure) à Delete: elimina la riga selezionata nel tab Service.

 

 

 

Report à sottomenu à sottomenu: consente di avviare i report del sistema Flight Watch

 

ü      Area dei comandi:

 

 

L’area dei comandi contiene i pulsanti che consentono di effettuare un’operazione specifica sulla riga o sulle righe selezionate nella griglia dei voli, in particolare:

 

-          può essere creata una nuova riga utilizzando il tasto ;

-          possono essere eliminate le righe selezionate utilizzando il tasto ;

-          è possibile resettare la visualizzazione di default utilizzando il tasto ;

-          si può impostare lo stato del volo (arrivo e partenza) su cancellato utilizzando il tasto ;

-          si può impostare lo stato del volo (arrivo e partenza) su schedulato utilizzando il tasto ;

-          si può confermare l’avvenuto atterraggio del volo in arrivo utilizzando il tasto , a fronte di tale comando sarà presentata la maschera per l’inserimento dell’orario di atterraggio del volo:

 

 

-          si può confermare l’avvenuto parcheggio (block on) del volo in arrivo utilizzando il tasto ; a fronte di tale comando sarà presentata la maschera per l’inserimento dell’orario di blocco del volo e per l’eventuale modifica dell’orario di atterraggio:

 

 

-          si può confermare l’avvenuto avvio verso il decollo (block off) del volo in partenza utilizzando il tasto ; a fronte di tale comando sarà presentata la maschera per l’inserimento dell’orario di sblocco del volo e per l’eventuale modifica dell’orario di blocco e di atterraggio dell’arrivo legato:

 

 

-          si può confermare l’avvenuto decollo (take off) del volo in partenza utilizzando il tasto ; a fronte di tale comando sarà presentata la maschera per l’inserimento dell’orario di decollo del volo e per l’eventuale modifica dell’orario di sblocco e di blocco e atterraggio dell’arrivo legato:

 

 

-          si può impostare lo stato del volo in partenza su schedulato utilizzando il tasto ;

-          si può impostare lo stato del volo in partenza su cancellato utilizzando il tasto ;

-          è possibile certificare le righe selezionate utilizzando il tasto ;

-          è possibile (de)certificare le righe selezionate utilizzando il tasto ;

-          potrà essere visualizzata la riga originante del volo (Flight Schedule) utilizzando il tasto ;

-          è possibile passare dalla visualizzazione ridotta alla visualizzazione estesa delle griglia dei voli utilizzando il check ;

 

 

-          si può passare dalla rappresentazione degli orari da UTC a LOCAL utilizzando la combo box .

 

 

 

ü      Area per la ricerca:

 

 

All’avvio Flight Watch presenta i voli relativi alla data corrente (dalle 00.00 alle 23.59): ciò viene evidenziato dal fatto che nell’area per la ricerca dell’applicazione risulta valorizzato il popup calendar con la data del giorno corrente ; sarà possibile però impostare un diverso tipo di filtro di ricerca selezionando una data singola diversa, o selezionando in alternativa una data e ora di inizio ed una data e ora di fine . In entrambi i casi sarà possibile filtrare il risultato della ricerca utilizzando come ulteriori filtri l’indicazione di uno specifico vettore, di un modello di aeromobile o di uno specifico aeromobile:

; per avviare la ricerca dovrà poi essere utilizzato il pulsante .

 

ü      Area della griglia dei voli:

 

La griglia dei voli di Flight Watch rappresenta i voli in arrivo e partenza relativi ai criteri di ricerca selezionati. In particolare la griglia, oltre a consentire la modifica dei valori riportati nelle singole celle  (doppio click del mouse sul valore che si intende modificare) utilizza una rappresentazione cromatica per evidenziare lo stato dei voli che viene riportata nella seguente tabella:

 

Elemento

Presentazione

Descrizione

Led di colore verde, giallo o rosso presente nella colonna con intestazione A

La presenza del led di colore rosso indica che per l’arrivo in oggetto è presente la condizione di approccio, che si verifica nel momento in cui per il volo viene valorizzato il campo ETO Decollo da scalo precedente. E’ giallo se non è attiva la condizione precedente ma sono stati ricevuti messaggi legati alla “chiusura” del volo sullo scalo di origine

Led di colore verde, giallo o rosso presente nella colonna con intestazione L

La presenza del led di colore rosso indica che per l’arrivo in oggetto è presente la condizione di landing, ma che i valori relativi al tab LDM non risultano ancora valorizzati. E’ giallo se non è attiva la condizione precedente ma mancano i valori relativi al tab LDM in partenza

Led di colore verde o rosso presente nella colonna con intestazione S

La presenza del led di colore rosso indica che per la partenza l’orario di slot (SLT) è “prossimo” (15 minuti tipicamente) all’orario di partenza prevista (STD / ETD)

Led di colore verde, giallo o rosso presente nella colonna con intestazione D

La presenza del led di colore rosso indica che per la partenza in oggetto è presente la condizione di Delay, che si verifica nel caso siano presenti righe nel tab Delay. E’ giallo se non è attiva la condizione precedente e l’orario ATA > STA

Riga di colore grigio con testo nero

Una riga di questo colore indica che il volo è schedulato

Riga di colore rosso con testo nero

Una riga di questo colore indica che il volo è cancellato

Riga di colore giallo con testo nero

Una riga di questo colore indica rispettivamente che, nel caso di arrivo il volo è atterrato, in caso di partenza il volo è “sbloccato”

Riga di colore verde con testo nero

Una riga di questo colore indica rispettivamente che, nel caso di arrivo il volo è “bloccato”, in caso di partenza il volo è decollato

Riga di colore grigio scuro con testo grigio chiaro

Una riga di questo colore indica che il volo è certificato

 

Attraverso l’interazione con la griglia dei voli si possono modificare i valori indicati nelle singole celle (a patto che non siano valori di sola lettura o che il volo risulti già certificato). Dopo l’inserimento del valore nella cella l’operazione potrà essere confermata con il tasto INVIO o annullata con il tasto ESC così come è possibile fare selezionando i tasti  e  presenti nell’ultima colonna della griglia.

 

 

ü      Area dei tab:

 

 

L’area dei tab permette di aggiungere, modificare o cancellare i dati relativi ai carichi (LDM e Hold), alle infrastrutture associate ai voli, ai code sharing, ai ritardi (Delay), alle informazioni supplementari del volo (Extra), ai messaggi telex ricevuti per i voli e per i commenti associati ai voli.

 

 

Il tab LDM consente l’indicazione dei carichi di un volo in arrivo o partenza. All’atto della creazione del volo vengono generate automaticamente le righe relative ai carichi originanti del volo, eventuali carichi in transito possono essere aggiunti utilizzando il comando presente nel menu LDM. La colonna Action della tabella di gestione dei carichi contiene i comandi necessari a modificare i valori presentati, a cancellare l’intera riga e impostare a 0 i valori presentati . In caso di modifica sarà necessario confermare o annullare le operazioni utilizzando i pulsanti  e  che saranno visualizzati nella colonna Action.

 

 

Il tab Hold permette di gestire i dati relativi ai carichi presenti nelle stive dell’aeromobile. La colonna Action della tabella di gestione delle stive contiene i comandi necessari a modificare i valori presentati e a cancellare l’intera riga . In caso di modifica sarà necessario confermare o annullare le operazioni utilizzando i pulsanti  e  che saranno visualizzati nella colonna Action.

 

 

Il tab BCI permette di gestire i dati relativi alle infrastrutture assegnate ai voli. La colonna Action della tabella di gestione delle infrastrutture contiene i comandi necessari a modificare i valori presentati e a cancellare l’intera riga . In caso di modifica sarà necessario confermare o annullare le operazioni utilizzando i pulsanti  e  che saranno visualizzati nella colonna Action.

 

 

 

Il tab Sharing permette di gestire i dati relativi ai code sharing dei voli. La colonna Action della tabella di gestione dei code sharing contiene i comandi necessari a modificare i valori presentati e a cancellare l’intera riga . In caso di modifica sarà necessario confermare o annullare le operazioni utilizzando i pulsanti  e  che saranno visualizzati nella colonna Action.

 

 

 

Il tab Delay permette di gestire i dati relativi ai codici di ritardo associati ai voli. La colonna Action della tabella di gestione dei codici di ritardo contiene i comandi necessari a modificare i valori presentati e a cancellare l’intera riga . In caso di modifica sarà necessario confermare o annullare le operazioni utilizzando i pulsanti  e  che saranno visualizzati nella colonna Action.

 

 

 

Il tab Extra presenta una serie di attributi accessori dei voli che, per evidenti questioni di spazio, non possono essere presentati sulla riga del volo. Attraverso un doppio click del mouse sul valore che si intende modificare, a patto che il valore sia modificabile ed il volo non certificato, sarà possibile inserire un nuovo valore per un determinato attributo. Le modifiche potranno poi essere confermate oppure annullate utilizzando i pulsanti  e  che saranno visualizzati nella prima riga della prima colonna.

 

 

Il tab message presenta i messaggi telex ricevuti per il volo selezionato. Ogni riga indicherà il tipo di messaggio (LDM, MVT, PSM, ecc) e la data e l’orario di ricezione. Il testo originale del messaggio potrà essere visualizzato utilizzando il pulsante  presente nella colonna Action della riga. I dati presentati nel tab Message sono di sola visualizzazione e presuppongono che Flight Watch sia stato collegato al gateway di ricezione delle messaggistica IATA (SITATex o Printer DCS).

 

 

Il tab Comment consente la gestione di commenti da associare ad un volo. Un commento è caratterizzato da una tipologia, da un utente che l’ha inoltrato, dalla data e dall’ora in cui il commento è stato creato e da una serie di file (blob) che sono stati associati al Commento. I commenti sono poi organizzati come un albero ed è possibile rispondere ad uno specifico commento in modo da creare una comunicazione strutturata fra più utenti in una modalità che riproduce quanto avviene sui forum Internet.

 

Dopo aver inserito un commento utilizzando il comando presente nel menu Comment

 

 

questo apparirà come una riga del tab Comment; utilizzando il pulsante  presente nella riga del commento sarà possibile aprire la scheda del “thread” (albero) dei commenti:

 

 

Interagendo con il tree view presentato sarà poi possibile selezionare uno specifico commento con un click del tasto sinistro del mouse per aggiungere un allegato, scaricare un allegato (click sul link corrispondente) oppure per rispondere al commento.

 

 

Il tab Service consente la gestione di servizi da associare ad un volo. Un servizio è caratterizzato dall’appartenenza ad un gruppo, un acronimo, il timestamp di inizio ed il timestamp di fine.

 

 

L’aggiunta, la modifica e la cancelllazione di servizi si ottiene agendo sulle apposite Action che, nel caso di inserimento e modifica presenteranno le maschere preposte alla compilazione dei dettagli del servizio e, opzionalmente delle assegnazioni nominative dello staff e dei mezzi utilizzati per l’esecuzione del servizio.

 

 

 

 

2.5 Il sistema Staff Sys

 

Conatract Sys è il sistama eGHos Necessario alla gestione dei contratti commerciali. In tale sistema sono presenti i moduli per la configurazione dei servizi e per la configurazione dei contratti commerciali erogati ai Flight Operator. Un contratto è un insieme di regole di applicazione e contabilizzazione di servizi, che a loro volta sono composti da un insieme di task caratterizzati dall’utilizzo di persone (Employee) e attrazzature (Equipment).

 

2.5.1       L’applicazione Employee Config

 

Employee Config è composta dai seguenti moduli di gestione:

 

Ø      Skill

 

 

Modulo per la gestione degli skill.

 

Ø      Skill Employee

 

 

Modulo per l’associazione fra skill e addetti.

 

 

Ø      Employee

 

 

Modulo per la gestione degli addetti.


A – Supporto all’installazione di eGHos

 

Essendo eGHos un’applicazione internet che utilizza il sistema operativo XP ed il browser Internet Explorer è necessario verificare i seguenti prerequisiti per utilizzare il sistema. In particolare sono da verificare i seguenti prerequisiti hardware:

 

ü      PC IBM compatibile P3 900 o superiore;

ü      256 MB di RAM;

ü      10 MB di spazio su HD;

 

e la seguente configurazione software:

 

ü      Windows XP (home o Professional)

ü      Internet Explorer 7.0

ü      .Net framework 2.0

ü      Acrobat Reader 5.0 (o superiore).

 

Sarà inoltre necessario procedere alla seguente configurazione del browser utilizzando il menu Opzioni Internet e quindi il pannello Protezione (Figura 3). Selezionando poi il pulsante Siti sarà possibile procedere all’aggiunta del sito http://eghos.ghitalia.it alla lista dei siti attendibili, avendo cura di disabilitare la check box “Richiedi verifica server (https:) …” come mostrato in Figura 4. Sarà infine necessario impostare al minimo il livello di protezione Figura 5

 

Figura 3. Configurazione del browser

 

Figura 4. Aggiunta sito attendibile

 

Figura 5. Impostazione livello di protesione basso

 

Utilizzando il browser Internet Explorer le applicazioni di eGHos saranno sensibili a tutti gli eventuali Add On (aggiunte) configurati per il browser, come ad esempio la Google Tool Bar e simili. Tali Add On permettono solitamente di configurare delle limitazioni come il blocco dei popup, o il filtraggio di determinati indirizzi, configurazioni che potrebbero influire sul corretto funzionamento delle applicazioni di eGHos. Sarà quindi necessario, nel caso siano stati aggiunti componenti esterni al browser, configurarli in modo tale che non pregiudichino le normali funzionalità della applicazioni eGHos.


 

B – Configurazioni e Procedura d’uso di eGHos

 

Per poter utilizzare correttamente eGHos è necessario configurare le seguenti informazioni minime:

 

-          BCI: elenco degli stand

-          Factory: elenco dei dati relativi a tutte le società di cui interessa mantenere i riferimenti sia per fini operativi che di fatturazione

-          Factory Flight Operator Association List: indicare i vettori che sullo scalo vengono gestiti da altri operatori di handling, a cui può essere necessario ribaltare i costi relativi a servizi erogati per il vettore.

 

Inoltre, la creazione/modifica di eventuali nuovi utenti andrà richiesta tramite l’indirizzo http://eghos.ghitalia.it/helpdesk, specificando nominativo e relativo profilo funzionale.

 

Nel caso in cui si desideri ricevere notifiche in seguito all’attribuzione di codici di ritardo diversi da quelli configurati, occorre comunicarne l’elenco tramite l’indirizzo

http://eghos.ghitalia.it/helpdesk

 

In entrambi i casi le credenziali da utilizzare sono le seguenti:

 

VCE

Username:     area-mgr@ghvenezia.it

Password:     comunicata separatamente

 

PMO

Username:     area-mgr@ghpalermo.it

Password:     comunicata separatamente

 

CTA

Username:     area-mgr@ghcatania.it

Password:     comunicata separatamente

 

B.1 – Import del Programma Voli stagionale

 

Il programma voli, oltre ad essere inserito e gestito manualmente, può essere acquisito da varie fonti; in tali casi, a meno di non creare un nuovo formato, esso andrà elaborato e reso compatibile con uno dei formati predefiniti. In particolare, per ciascuno scalo vale quanto di seguito specificato.

 

 

B.1.1 – Venezia

Acquisire il volato dal sistema Strip nel formato MS Excel seguente:

 

 

Eseguire le seguenti operazioni:

-          eliminare colonne A, B

-          eliminare colonne N, O

-          inserire, anche con l’aiuto dei filtri, nella colonna A una lettera “A” per tutte le righe relative ad arrivi, una “D” per quelle relative alle partenze

-          eliminare, anche con l’aiuto dei filtri, le righe che non corrispondono né ad un arrivo né ad una partenza;

-          fare in modo che il numero di caratteri dell’informazione numero “Posti” sia 3: evidenziare la colonna H, selezionare il menu Formato à Celle à Numero à Personalizzato e digitare nella casella “Tipo” il valore “000” (zero ,aero, aero), quindi scegliere OK.

 

Il file così elaborato si presenterà nella maniera seguente:

 

 

Evidenziare il blocco di dati, copiarli ed incollarli in un file Notepad.

 

 

Assegnare al file un nome univoco, e salvarlo.

 

Il file è adesso pronto per essere caricato all’interno dell’applicazione Flight Schedule:

-          Avviare Flight Schedule

-          Selezionare il menu Timetable, quindi New

-          All’interno della maschera apparsa, selezionare TTtype “unofficial” e compilare i restanti campi

-          Selezionare il tasto “close”

-          Sfogliare l’albero nella finestra “object explorer” fino ad individuare il Timetable creato, quindi selezionarlo

-          Selezionare il menu Timetable, quindi Import

-          Selezionare il file di testo salvato precedentemente.

-          Seguire le indicazioni riportate al paragrafo 2.2.7

 

B.1.2 – Catania - Palermo

Acquisire il volato dal sistema AOS (tramite export dal TimeTable) nel formato MS Excel seguente:

 

 

 

-          Eliminare le colonne F,G,I,K,L,M,T,U,V,W,X,Y,Z,AA;

-          nella colonna C sostituire “Arrivo” con “A” e “Partenza” con “D” (ad esempio utilizzando trova/sostituisci)

-          Sostituire, con l'ausilio dei filtri, nella colonna F le lettere corrispondenti a tipo volo (esempio Linea = J,  Ferry = P)

-          Con l'ausilio dei filtri identificare i voli che nella colonna G sono indicati Postale, Cargo, ecc. e sostituire nelle caselle corrispondenti della colonna F il valore esistente con M, F,ecc

-          Eliminare la colonna G

-          Riportare gli orari indicati in UTC, sottraendo un'ora per Winter e due ore per Summer, con l'ausilio delle funzioni excel, digitando nella casella M2 la formula seguente

=J2-ORARIO(1;0;0) per Winter

=J2-ORARIO(2;0;0) per Summer

-          Copiare tale formula su tutta la colonna M

-          Correggere manualmente gli eventuali valori ##########

-          Evidenziare tutta la colonna M e selezionare Formato --> Celle --> Ora --> 13.30 (come tipo di formato)

-          Evidenziare tutta la colonna M e selezionare Modifica --> Copia; evidenziare la colonna J e selezionare Modifica --> Incolla speciale --> Valori Formati e numero

-          Eliminare la colonna M

-          Eliminare la prima riga

-          Selezionare la casella M1 e digitare la formula seguente:

=SE(E1="";D1;E1)

-          Copiare tale formula su tutta la colonna M

-          Evidenziare tutta la colonna M e selezionare Modifica --> Copia; evidenziare la colonna E e selezionare Modifica --> Incolla speciale --> Valori

-          Eliminare la colonna M

-          Selezionare la colonna L; convertire i valori in numero; selezionare Formato --> Celle  --> Personalizzato e digitare nella casella Tipo  il valore 000

-          Selezionare la casella M1 e digitare la formula seguente:

=SE(LUNGHEZZA(ORA(J1)&"")<2;"0"&ORA(J1);ORA(J1)&"")&SE(LUNGHEZZA (MINUTO(J1)&"")<2;"0"&MINUTO(J1);MINUTO(J1)&"")

-          Copiare tale formula su tutta la colonna M

-          Evidenziare tutta la colonna M e selezionare Modifica --> Copia; evidenziare la colonna J e selezionare Modifica --> Incolla speciale --> Valori

-          Eliminare la colonna M

-          Per le sole partenze con doppia tratta (es. MXP MUC) invertire l’ordine delle tratte (es. MUC MXP)

-          Selezionare tutti i valori del foglio selezionare Modifica --> Copia e salvare una copia in un file di testo (notepad)

-          Salvare il file di testo con un nome univoco

 

Di seguito una legenda esemplificativa dei codici di tipo di volo

 

J = schedule/mixed

 

F = schedule/cargo

 

M = schedule/mail

 

C = charter/mixed

 

N = charter/mail

 

P = Ferry/mixed

 

T = Test/mixed

K = Training/Mixed

 

W = Military/Mixed

 

H = Cargo

 

 

 

Il file è adesso pronto per essere caricato all’interno dell’applicazione Flight Schedule:

-          Avviare Flight Schedule

-          Selezionare il menu Timetable, quindi New

-          All’interno della maschera apparsa, selezionare TTtype “unofficial” e compilare i restanti campi

-          Selezionare il tasto “close”

-          Sfogliare l’albero nella finestra “object explorer” fino ad individuare il Timetable creato, quindi selezionarlo

-          Selezionare il menu Timetable, quindi Import

-          Selezionare il file di testo salvato precedentemente.

-          Seguire le indicazioni riportate al paragrafo 2.2.7

 

 

B.2 – Gestione quotidiana

 

La gestione quotidiana dell’operatività richiede alcune operazioni preliminari.

 

Legatura dei voli

Ogni sera occorre predisporre le legature dei voli del giorno successivo:

-          visualizzare tutti i voli operanti nel periodo giorno corrente- giorno successivo

-          legare i night stop con i corrispondenti early flights, e gli arrivi con le rispettive partenze

 

Aggiornamento dei dati

E’ indispensabile che in Flight Watch per ciascun volo siano contenute almeno le seguenti informazioni:

-          numero di passeggeri in arrivo e in partenza (da indicare anche se è 0)

-          numero di bagagli in arrivo e in partenza (da indicare anche se è 0)

-          stand

-          orari effettivi di blocco e sblocco

Tali informazioni vanno inserite manualmente laddove il sistema non le interpreti o le interpreti in maniera incompleta e/o incorretta.

Alla fine di ogni giornata i dati relativi a tutti i voli devono essere certificati.

 

Predisposizione export per i servizi a richiesta

In attesa che sia completata la realizzazione dell’apposito report, ogni sera occorre stampare il modello per la rendicontazione dei servizi a richiesta del giorno successivo.

La procedura consigliata è la seguente:

-          in Flight Watch visualizzare i voli del giorno seguente

-          selezionare il menu “Report”, quindi “Export”, quindi “ATM” ed avviare il report “Daily program”; esportarlo in MS Excel e salvarlo con nome

-          aprire il file salvato; nelle colonne a destra del report inserire la tipologia di servizi a richiesta gestiti (uno per colonna), come mostrato nell’esempio seguente

 

 

-          prendere nota di tutti i servizi a richiesta erogati durante la giornata e della relativa numerosità

-          inviare quotidianamente tale file agli uffici interessati.

 

B.3 – Fermo sistema

 

In caso di “caduta” del sistema va applicata la procedura di recovery, che prevede:

-          Registrazione locale dei dati

-          Immediato allertamento del supporto IT attraverso una delle seguenti modalità:

 

Sito internet (preferenziale, se possibile)

                        http://eghos.ghitalia.it/helpdesk

                        Username VCE:                   area-mgr@ghvenezia.it

                        Username PMO:                  area-mgr@ghpalermo.it

Username CTA:                   area-mgr@ghcatania.it

Username NAP:                   area-mgr@ghnapoli.it

 

 

                        Password:                             comunicata separatamente

                        Categoria:                             egh01

 

Telefonicamente

                        (+39) 3477733145

 

-          Riallineamento dei dati nel sistema, una volta ripristinata la corretta funzionalità